Alla "G. Tomasi di Lampedusa" di Fasano un incontro sui rischi della rete

Pubblicato il 24 gennaio 2024 • Cultura , Giovani , Scuola , Sociale

 

 

Si è svolto presso l'istituto scolastico "G. Tomasi di Lampedusa" di Gravina di Catania un incontro col già sovrintendente capo della Polizia postale, nonché vicepresidente dell'associazione "Giustizia e pace", M° Salvo Troina.

Alla presenza del vicesindaco con delega alla Pubblica istruzione Claudio Nicolosi, del vicepreside prof. Dario La Rocca, di diverse docenti e soprattutto di genitori degli studenti, cui l'incontro era principalmente rivolto, si è parlato per due ore intense di bullismo, cyberbullismo, adescamento e sexting e più in generale dei rischi che la rete, tanto in modalità online che offline, può nascondere. 

Per l'occasione è stata sottolineata l'importanza di una "educazione digitale" che provenga primariamente dalle famiglie al fine di evitare i rischi della rete che non deve essere aprioristicamente demonizzata ma saputa usare senza diventarne succubi e, soprattutto, evitandone le potenziali insidie.

Il sindaco Massimiliano Giammusso ha evidenziato come "incontri come questo sono molto importanti al fine di informare le famiglie dei possibili rischi della rete cosicché esse possano meglio vigilare sui figli che, essendo nativi digitali, adoperano di continuo i sociali e le moderne apparecchiature telefoniche ed informatiche con tutto quello che ciò può causare se lasciati in balìa di sé".

Il vicesindaco Claudio Nicolosi ha "ringraziato sia il M° Troina per la disponibilità che le famiglie per l'entusiasmo ed interesse mostrati durante l'incontro, la dirigente scolastica per aver accettato di far svolgere l'iniziativa presso i locali della sua scuola e le docenti per il costante impegno che mettono nel formare gli studenti".